Sanità. Finanziamento del SSN sia scollegato dalle battaglie politiche.

La salute è il tema che sta maggiormente a cuore ai cittadini. Dalla prevenzione con l’educazione ai comportamenti equilibrati e consapevoli in fatto di movimento, alimentazione e quotidianità fino al bisogno di una rete di servizi sul territorio capillari efficienti  d efficaci. Liste d’attesa che nel pubblico esplodono, medici e consigli che dirottano sul privato con agende più disponibili, aprono però un grande dibattito su quale sia lo stato di salute della sanità pubblica piemontese.

Ci siamo confrontati nella partecipata Agorà sul tema della sanità pubblica e del suo ruolo fondamentale nel garantire salute sul territorio, prevenzione e cura.

Con noi, on line era presente Sandra Zampa, responsabile sanità per la segreteria nazionale del Partito, con Antonio Gaudioso del ministero della salute e i sindacati di categoria. Se è vero che questo è in termine di attenzione ai fondi per la sanità, il miglior Governo degli ultimi anni, è pur vero che in Piemonte molto non funziona. Per tanto  ho fatto una proposta: l Finanziamento del SSN sia scollegato dalle battaglie politiche. Considerata l’ importanza del SSN riconosciuta da tutte le forze politiche anche a seguito della Pandemia, si sganci dalla discrezionalità delle scelte politiche il finanziamento del fondo sanitario, agganciandolo a parametri standard legati all’anzianità della popolazione, l’aspettativa  di vita e il rapporto con il PIL.

La politica potrà solo incrementare queste spese per investimenti ad hoc senza poter ogni anno, con la legge di bilancio, modificare i finanziamenti anche pluriennali. Considerata la complessità della materia si può ipotizzare una revisione ogni dieci anni. In questo modo si dà stabilità al finanziamento e si riconosce un servizio che è patrimonio di tutti e che deve essere sostenuto a prescindere da chi governa il Paese.