EDILIZIA CONVENZIONATA : 60 MILIONI FERMI

La scarsità di case di edilizia convenzionata  rappresenta un problema sociale che colpisce una parte rilevante della popolazione torinese.   Registro per l’ennesima volta l’inettitudine della maggioranza regionale di centrodestra, che a fronte di una tale necessità sociale, tiene fermi ben  60 milioni destinati a costruire 400 alloggi di edilizia convenzionata con la conseguente creazione di 1.200 posti di lavoro.                                                   Non è stato pubblicato alcun bando attuativo della delibera del febbraio 2019 della Giunta Chiamparino.                                                                              La scorsa legislatura di centro sinistra  aveva individuato i criteri per gli interventi nel campo del Welfare e per la classificazione dei comuni ad alta tensione abitativa.  Mi domando quali siano le motivazioni per le quali l’attuale Giunta di centrodestra  non ha dato non ha dato seguito  alla delibera della Giunta Chiamparino.                                                             Presenterò in Consiglio  una Question time su questa vicenda che, se confermata, sarà davvero paradossale e grave soprattutto in un momento di crisi come questo.                                                                                                          Se effettivamente i soldi sono stati stanziati e se il nuovo Governo regionale di centrodestra ha confermato l’intenzione di dare continuità a questo progetto mi chiedo che cosa sia successo e perché non sia stata avviata questa azione di rilancio che darebbe uno stimolo concreto all’economia.                                                                                                            Voglio risposte che chiariscano quali siano i motivi che hanno bloccato questo investimento che interessa un tema tanto delicato come quello del diritto all’abitazione, che il Partito Democratico ha sempre messo al centro delle proprie politiche.                                                                                                  La creazione di nuovi alloggi rappresenta un aiuto concreto per le fasce più vulnerabili della popolazione che, purtroppo, la pandemia ha reso ancora più fragili.