L’Europa alla prova dell’emergenza coronavirus

Si apre una settimana molto importante.

Ci saranno una serie di incontri in Europa che determineranno la nostra capacità di risposta all’emergenza coronavirus; ci autorizzeranno al debito che potremmo contrarre..

Già il Decreto da 25 miliardi del Governo è stata una prima risposta all’emergenza ma, non sufficiente.

Non copre infatti determinate fasce tra le quali le aziende famigliari del commercio, la ristorazione, i bar , e il turismo . Questi ultimi sono settori che faranno fatica ad accedere agli strumenti economici identificati dal primo decreto.

Rispetto ai settori sopracitati va fatta una moratoria del pagamento delle tasse di giugno e non solo uno slittamento,e, un’integrazione per compensarli della forzata chiusura di questi mesi; in modo che possano ricominciare la propria attività restando in piedi.

Questo è un tema fondamentale che deve essere al centro del Decreto che il governo varerà il prossimo aprile.

Anche in seguito alle decisioni che verranno assunte questa settimana in Europa.

Sottolineo che le misure adottate, dovranno di volta in volta essere tarate in base alle esigenze : nessuno deve restare indietro.

Per quanto riguarda l’aspetto sanitario i prossimi giorni saranno difficili a  quanto ci dicono gli scienziati e i medici-

Restiamo a casa nell’attesa che si verifichi un’ inversione del trend dell’epidemia in modo da poter riprendere le redini della nostra quotidianià.

per approfondimenti leggi qui