Ospedali: stop alle strisce blu!

Stop alle strisce blu nelle zone-ospedali

“Appendino, stop alle strisce blu nelle zone-ospedali”

Nel luglio di quest’anno la Città di Torino ha avviato l’ampliamento del parcheggio a pagamento nella Circoscrizione 4 e, in particolare, nella zona dell’Ospedale Maria Vittoria, senza, peraltro, dare ascolto ai lavoratori di quel presidio che nutrivano perplessità sulla scelta. Inoltre, è stato annunciato un nuovo provvedimento che amplierà le strisce blu anche nella zona compresa tra la Città della Salute e il presidio ospedaliero Sant’Anna. Si tratta di decisioni che penalizzano e penalizzeranno lavoratori e pazienti, che non garantiranno una soluzione ai problemi di traffico e sosta e che sembrano prese, esclusivamente, per fare cassa. “Appendino, fermati!”

Il mio intervento

A tal proposito ho prensato un Ordine del Giorno in Consiglio regionale (che sarà discusso nelle prossime settimane), che ha lo scopo di dichiarare la totale contrarietà a questo provvedimento e di prevedere azioni per arginare le decisioni del Comune.

Ho suggerito:

  • agevolazioni economiche per pazienti, residenti e lavoratori dell’area già interessata dall’ampliamento delle strisce blu
  • se l’annunciata estensione fosse confermata, anche per quelli della zona tra la Città della Salute e l’Ospedale Sant’Anna,
  • in alternativa la sospensione dell’ampliamento fino alla messa in esercizio del prolungamento della metropolitana 1.

Ho chiesto inoltre di continuare a dare seguito a un impegno assunto dal Consiglio nella precedente legislatura a favore delle associazioni di volontariato. Quelle che si occupano di trasporto e accompagnamento di anziani e malati soli avevano, infatti, già in passato denunciato il grave problema dei parcheggi e della sosta.  Con un ordine del giorno approvato nel 2018, avevo chiesto che i Direttori generali di Asl e ASO prevedessero almeno uno spazio fruibile per le Associazioni all’interno delle aree di loro proprietà. Si tratta di un atto dovuto nei confronti di queste realtà e chiedo alla Giunta regionale di proseguire nell’impegno.

Il mio ODG è stato sottoscritto da tutti i consiglieri di Torino del centrosinistra. La nostra battaglia è stata ripresa anche dai media.