Un patto per medici e pediatri nei piccoli centri

La Regione Piemonte pronta ad assumere un provvedimento per incentivare i medici di base nei piccoli comuni

Il 13 febbraio ho presentato un question-time per chiedere informazioni all’assessore Saitta in merito alla carenza dei medici di famiglia nei piccoli Comuni. Un problema che rischia di aggravarsi di anno in anno!

L’impegno della Regione

Ne è nato un patto per medici e pediatri nei piccoli centri e nelle aree montane, un impegno operativo ottenuto nel corso di un incontro avuto il 14 febbraio con gli amministratori di Roccavione, Lanzo, Acceglio, Sestriere, Ormea, Pray, Venasca, San Michele Mondovì, Novello, Bastia Mondovì e Frabosa Soprana, accompagnati dai vertici di Anci Piemonte (il presidente Alberto Avetta e i vicepresidenti Gianluca Forno e Michele Pianetta) e di Uncem Piemonte.

l piano riguarda 15 diverse aree del Piemonte, dove oggi operano 178 medici di famiglia e 35 pediatri, individuate in particolare in base alla bassa densità abitativa, ed avrà effetto immediato per far fronte alle situazioni più critiche.

La Regione è pronta ad assumere un provvedimento di giunta per incentivare i medici di base nei piccoli comuni. Il futuro passa anche dalla medicina territoriale!

#sìalfuturo